Il ruolo culturale e sociale delle Bande musicali

Preceduta dall’esibizione di alcuni giovani talenti, è stata presentata presso la Sala Consiliare la 1^ Rassegna Bandistica Provincia di Fermo. Dopo l’apertura dello scorso 6 giugno a Servigliano da parte del Corpo Bandistico Città di Falerone, la manifestazione entrerà nel vivo dal 9 luglio quando, a Pedaso, si esibirà il Premiato Corpo Bandistico Città di Monte Urano, preceduto dalla sfilata del Corpo Bandistico Città di Grottazzolina.

Diciotto gli appuntamenti della Rassegna realizzata dall’ANBIMA provinciale (Associazione Nazionale Bande Italiane Musicali Autonome), con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Fermo ed il sostegno della Regione Marche.

“In piena condivisione con i Comuni, abbiamo voluto dare questa veste più organica ed unitaria – ha affermato l’Assessore alla Cultura della Provincia di Fermo, Giuseppe Buondonno – e a breve sarà pronto anche un cartellone relativo alle Corali. Il sostegno da parte della Provincia è determinato dal fatto che le Bande musicali svolgono un’attività importante da un punto di vista artistico, di avvicinamento di molti giovani alla musica e sotto il profilo dell’aggregazione sociale e di identità dei nostri paesi. Ed è importante che queste attività proseguano e crescano attraverso concerti, utili per riscoprire i nostri meravigliosi centri storici. Con l’ANBIMA – ha preannunciato Buondonno – stiamo già pensando ad un’importante iniziativa per il 150° anniversario dell’Unità d’Italia”.

Il coordinatore provinciale dell’ANBIMA, Roberto Spaccapaniccia, si è invece soffermato sull’importanza dei complessi bandistici sia nel territorio che all’estero. “Quest’anno il Corpo Bandistico “Cecchini” di Monte San Pietrangeli ha avviato un gemellaggio con la Banda della cittadina di Helvoirt. Lo scorso mese la formazione fermana si è recata in Olanda e ha eseguito diversi concerti, cogliendo l’occasione anche per visitare la sede dell’Europarlamento di Strasburgo. Analoga iniziativa verrà presa nel mese di agosto con una visita in Austria dal Corpo Bandistico Municipale di Porto San Giorgio, che ha già ospitato in occasione della festività del Santo Patrono la Banda di Bad Ischl, cittadina a 50 chilometri da Salisburgo celebre per le gesta della Principessa Sissi.

Si tratta di scelte fondamentali, che proiettano il nostro territorio al di fuori dei propri confini. Riguardo alla manifestazione, saranno 18 i complessi bandistici che si esibiranno, per un numero di iscritti all’ANBIMA che supera le 500 unità. Alla nostra associazione sono iscritte persino alcune Corali. La musica è una componente importante del territorio fermano, come testimonia la presenza del secondo Conservatorio regionale. Va infine evidenziato l’ampliamento dell’offerta formativa della scuole medie con corsi specifici, che permetteranno una maggiore diffusione della cultura musicale tra le giovani generazioni”.

Un’ultima segnalazione: la data di Monte Urano, inizialmente programmata per il 18 luglio, è stata posticipata al mese di settembre.

Pubblicato il 02/07/2010 00:00

Fonte:http://www.provincia.fermo.it

2010.07.02 Rassegna Bandistica 03 (manifesto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *